01222018Headline:

Prova di maturità del Napoli che espugna il Bentegodi


Gara di maturita’ del Napoli che espugna il Bentegodi 3-0 contro un ottimo Verona. La formazione di Rafa Benitez soffre e punge in contropiede con Mertens al 21′ del primo tempo e poi nella ripresa con Insigne, per lui primo gol in stagione, e Dzemaili. In classifica gli azzurri si tengono attaccati al treno Champions salendo a 42 punti, due in meno della Roma. Per gli scaligeri una brutta battuta d’arresto, gli uomini di Mandorlini restano fermi a 32 punti. Il primo brivido della partita e’ per i partenopei quando al 5′ Fernandez scivola in area al momento di rinviare e rischia di liberare Toni ma da terra riesce a sradicare la sfera dalle gambe dell’attaccante scaligero. All’11’ il Verona si fa vedere in avanti, scorribanda di Romulo che mette in mezzo ma Toni non riesce a concludere. Al 25′ il Napoli mette la testa fuori dalla propria meta’ campo e Higuain si rende pericoloso con un gran tiro da fuori respinto di pugno dall’estremo difensore del Verona. E’ solo il prologo al gol che arriva due minuti piu’ tardi, Mertens, per lui terzo gol in due gare, si porta al limite dell’area e da posizione defilata sulla sinistra piazza un tiro a giro sul secondo palo che beffa Rafael. Al 36′ accelerazione di Higuain, El Pipita cerca il palo lontano di Rafael, l’estremo difensore del Verona omonimo di quello partenopeo, ma la pala esce d’un soffio. Protesta al 41′ il Verona, Toni lancia Romulo che si trova a tu per tu con il portiere napoletano ma l’arbitro fischia un fuorigioco. Replica subito l’11 di Benitez con Callejon ma Rafael gli dice di no.
 La ripresa comincia con una grande occasione per la formazione di casa: al 48′ Iturbe pesca Toni al limite dell’area, dall’altezza del dischetto l’attaccante lascia partire un gran tiro ma troppo centrale, Rafael esce alla disperata e para. Il Verona pressa e il Napoli va sul velluto in contropiede, Pandev si mette le mani tra i capelli dopo aver tirato alle stelle una gran palla da ottima posizione. Il Napoli soffre ma in contropiede riesce a chiudere l’incontro con Insigne al 72′, da poco entrato. Il giocatore napoletano insacca un bel cross basso di Maggio anticipando Cacciatore. Ma la festa partenopea non e’ finita, 4 minuti piu’ tardi gli azzurri dilagano in contropiede, Insigne pescato sul filo del fuorigioco tira, Rafael respinge ma Dzemaili e’ lesto a raccoglie e a realizzare il 3-0.

What Next?

Recent Articles