12142017Headline:

PRESENTAZIONE DEL LIBRO “Vacanze con manette” di Amedeo Forastiere

Sabato 18 novembre 2017, alle ore 11:00, presso la libreria Io ci sto (via Cimarosa, 20 – Napoli), Amedeo Forastiere presenta il suo libro Vacanze con manette (Iuppiter Edizioni).

L’importanza del libro

Un invito a visitare Tunisi si trasforma in un viaggio nell’inferno. A causa della sparizione di un’auto, il protagonista si ritrova imbrigliato nell’impazzito ingranaggio giudiziario di un paese in cui la detenzione in carcere, com’è già successo ad altri turisti, è procedura affrettata e quantomeno arbitraria. Così la vacanza di un napoletano in cerca di cultura e relax fa tappa, all’improvviso, nel famigerato penitenziario di Bouchoucha. La storia diviene surreale, acquista tinte kafkiane e seppur drammatica, grazie al tenore del racconto “a ruota libera” e a uno stile popolare e immediato, non stanca e offre convincenti momenti ironici. L’arresto, la prigionia, l’attesa del giudizio, la mostruosa burocrazia, la permanenza forzata in terra straniera, la scoperta dell’amore, i tentativi di ritornare in Italia: nel raccontarci le sue avventure il protagonista, tra colpi di scena e rivelazioni, si sofferma in modo originale e con spunti interessanti su usi e costumi della Tunisia, dando al lettore un quadro preciso di un paese così vicino e così lontano dal nostro.

L’autore

Napoletano, terzo di quattro figli, è nato il 26 giugno del 1947. A diciassette anni, per una circostanza fortunata, fu assunto al quotidiano Il Mattino, dove ha lavorato per trentadue anni svolgendo diverse mansioni. Sposo a diciannove anni, padre di tre figli, è amante dei viaggi e dell’arte. Agli inizi degli anni 80 conobbe un impresario musicale e iniziò a lavorare come road manager, curando e organizzando le tournée di vari artisti. Nel 1995, costretto per una grave crisi al giornale ad andare in pensione, decise di mettere a frutto l’esperienza maturata come manager dello spettacolo, fondando una società a Roma. Nel 2008 andò a Tunisi, accogliendo l’invito di un amico musicista che gli chiese di raggiungerlo nella città dei datteri. Dalla vacanza tunisina è nato questo libro.

What Next?

Related Articles