Piccole imprese crescono all’estero: la Puglia stanzia 20 milioni

Appuntamento a Taranto per il seminario sull’Avviso Internazionalizzazione. Si tratta della terza tappa (dopo Lecce e Bari) del ciclo di incontri organizzati in tutta la Puglia per illustrare le opportunità offerte dal bando, le modalità di accesso e le agevolazioni previste.

investimenti esteriIl seminario si svolgerà domani, giovedì 13 febbraio, alle ore 15,30, nella sede della Camera di Commercio (viale Virgilio 152 – Taranto).

Al seminario sarà presente anche l’assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone, che ha ricordato l’impegno della Regione Puglia in tema di internazionalizzazione anche oggi, durante il Roadshow “Italia per le imprese con le Pmi verso i mercati esteri” organizzato da ICE Agenzia.

[print_gllr id=2778]

“Accompagnare le imprese – ha detto nel corso del suo intervento – significa aiutarle a conoscere i mercati esteri, aiutarle a rafforzarsi nella loro competitività, nella loro struttura d’impresa, aiutarle ad aggregarsi. La Regione Puglia ha stanziato 20 milioni di euro a favore delle imprese per l’internazionalizzazione. Sta istituendo con un avviso pubblico anche un elenco di professionisti che le accompagnino negli investimenti all’estero e le supportino con la loro conoscenza sulla legislazione dello Stato straniero, sui prodotti che si possono esportare e le più opportune strategie per farlo. Ma la Regione Puglia ha anche investito sulla partecipazione alle fiere, sugli incontri B2B e, quindi, sui rapporti partenariali tra le imprese. Tutto questo per noi è molto importante come l’investimento nella ricerca e nell’internazionalizzazione della ricerca, indispensabile per realizzare processi e prodotti innovativi. Non è una sorpresa, dunque, sentire il viceministro dello Sviluppo economico Candela dire che in Puglia ha trovato imprese tra le più preparate e pronte d’Italia. Di questo dobbiamo ringraziare soprattutto le nostre aziende per il coraggio e il dinamismo dimostrato, perché hanno combattuto e combattono la crisi investendo anche grazie all’aiuto della Regione e delle istituzioni”.

What Next?

Recent Articles