Oltre tre milioni di giovani non cercano più lavoro. Oltre due "scoraggiati" su tre sono al Sud

Tre milioni e trecentomila italiani vorrebbero lavorare ma si guardano bene dal cercare qualsiasi tipo di impiego. Il dato – per certi versi sconvolgente, perchè riguarda il 13,1% della forza lavoro – pone l’Italia al comando di questa non invidiabile classifica con un dato negativo che supera di più di tre volte la media della Ue a 28 Paesi (4,1%). Lo rileva l’Eurostat in uno studio sul terzo trimestre 2013 secondo il quale questa percentuale è salita su base tendenziale in Ue di 0,4 punti e in Italia di 0,9 punti, cioè oltre il doppio. Il dato di chi vorrebbe lavorare ma non s’impegna a trovare un’occupazione è¨ infatti sensibilmente più basso in tutti i principali Stati europei: appena 1,3% in Germania, 2,5% nel Regno Unito, il 5,1% (a fronte di un tasso di disoccupazione del 26%), il 10,1% in Croazia.

Nel terzo trimestre 2013 in Italia i disoccupati in senso stretto erano 2,84 milioni. Il tasso di disoccupazione era pari all’11,3%, in crescita di 1,5 punti percentuali rispetto a un anno prima (in Ue nel terzo trimestre il tasso dei senza lavoro era al 10,5% in crescita di appena 0,2 punti). L’Italia presenta invece una percentuale inferiore alla media di part time involontari, con il 2,2% a fronte del 4% medio europeo (4,1% in Germania, 6% nel Regno Unito).

In pratica in Italia ci sono oltre 6,15 milioni di persone ”sfiduciate” sulla possibilità  di trovare un lavoro, tra persone che risultano disoccupate (2,84 milioni nel terzo trimestre 2013 mentre a ottobre e novembre secondo i dati mensili si sono sforati i 3,2 milioni) e coloro che pur essendo disponibili a lavorare non entrano nemmeno nel mercato (3,3 milioni nel terzo trimestre mentre il dato mensile non è disponibile). Quasi metà  di coloro che si dichiarano disponibili al lavoro senza cercarlo (1,518 milioni su 3,3 milioni) si dicono scoraggiati” ovvero motivano la mancata ricerca con la convinzione di non poter trovare impiego. Un esercito quello degli scoraggiati che è in forte crescita sia rispetto al secondo trimestre 2013 (+219.000), sia rispetto allo stesso periodo del 2012 (+234.000). Oltre due ‘scoraggiati’ su tre sono al Sud con 1,068 milioni su poco piu’ di 1,5 complessivi

What Next?

Recent Articles