Napoli, la pattumiera d’Italia: ecco il reportage choc pubblicato da Le Monde sulla terra dei fuochi

In una discarica selvaggia di rifiuti tossici a Caivano, nei pressi di Napoli,  luglio 2012. Le parole sono fuorvianti: il Parco Verde ha poco di verde, è un quartiere di edifici in decadenza. Qui tutto è cemento e metallo . Don Maurizio Patriciello , il parroco della terra dei fuochi, che combatte da anni contro il disastro ecologico di questa area, fra Napoli e Caserta, dove sono stati sepolti in 30 anni milioni di tonnellate di rifiuti provenienti da tutta Italia . «Sono il maggiordomo della puzza “, dice il parroco . E devo dire che è  abbastanza ben posizionato . A seconda della direzione del vento , sulla sua chiesa si abbatte il peso del fetore che circonda le città . Si riconoscono, per l’odore , prodotti farmaceutici , solventi , residui di adesivi, il percolato che si muove su lentamente nel terreno , inquinando acque sotterranee e pozzi . A questo si aggiunge la puzza più recente dei roghi. Dal primo gennaio 2012 al 31 agosto  2013 ci sono stati censiti 5mila incendi.  Così la vecchia Campania Felix è diventata la spazzatura d’Italia.

“  ‘munnezza è¨ oro”, dice la camorra. Dalla fine degli anni 80 i clan locali che si sono riempite le tasche con il traffico di droga hanno trovato una nuova vena. Mentre le grandi aziende del Nord Italia devono a volte pagare fino a 600 euro per tonnellata per smaltire i rifiuti, qui si paga dieci volte di meno , compreso il trasporto .

(…) Don Patriciello ha fatto cadere il muro dell’indifferenza e a sollecitare le istituzioni che accusava gli “zotici del Sud”, per l’aumento dei tumori: fumate meno sigarette e mangiate più cavolfiori si diceva. Don Patriciello è partito nella sua campagna insieme con un centinaio di attivisti. Ora, intorno alla padella dove il parroco frigge qualcosa, sono arrivati . Luigi Costanzo , un medico di famigli , Lucia De Cicco ,  Anna Magri , una madre che ha perso un figlio di due anni e mezzo , vittima di leucemia , Enzo Tosti, geologo dilettante.

Erano tutti alla  manifestazione anti-veleni a Napoli del 16 novembre , sotto la pioggia battente, che ha radunato decine di migliaia di persone. Luigi Costanzo spiega che nella sua zona alcune tipologie di cancro sono aumentate del 39%. Come posso dire a queste persone lì a mangiare cose sane quando tutte le terre circostanti sono inquinate?». Lucia:  «Vogliamo condurre un’operazione verità. Quello che sta accadendo è la mobilitazione della gente nel Sud” . Anna , che ha perso il suo bambino: «Come è possibile che ogni madre che ho visto in ospedale e aveva un figlio con la stessa patologia proveniva dalla stessa zona” ? Enzo : «Perché lo Stato non fa nulla ? Siamo stati colonizzati dal Nord . Siamo diventati l’Africa Italiana”.

(…) Ma la cosa più impressionante è quella nota come la Resit: qui si trovano 806 530 tonnellate di rifiuti , tra cui 57.000 percolato , altamente tossico.  Il disastro ecologico è anche un disastro economico . Massimo, coltivatore di pomodori , ha visto la sua caduta delle vendite del 70 % . Ma  vuole credere a una rinascita , alla promessa di una bonifica , piantando canapa, per esempio , una pianta che ha la particolarità di assorbire l’inquinamento . Servono  tuttavia miliardi di euro che lo Stato italiano non ha.

(…) Nel frattempo , il governo ha adottato un decreto che dovrebbe segnare un nuovo inizio per la terra dei fuochi. Un primo passo, è la speranza Don Maurizio .

What Next?

Recent Articles