Mondiali, l’Italia dovrà vedersela con Uruguay, Inghilterra e Costa Rica. Poteva andare peggio

‘Abbiamo un girone difficile, forse il piu’ difficile,. Ma quando ci sono le difficolta’, noi siamo preparati”. L’Italia e’ finita in un girone di ferro ma il ct azzurro Cesare Prandelli non fa drammi. Il sorteggio dei Mondiali 2014 ha inserito la Nazionale nel Gruppo D con Uruguay, Inghilterra e Costa Rica. ”Ci dovremo sudare la qualificazione, dobbiamo arrivare pronti”, dice Prandelli ai microfoni di RaiSport. L’Italia giochera’ 2 partite alle 13, presumbilmente con temperature molto elevate, e avra’ un giorno di riposo in meno rispetto all’Uruguay prima dell’ultima gara. ”Non dobbiamo pensare alle difficolta’, dobbiamo pensare ad arrivare preparati. Mi auguro di avere i giocatori a disposizione 40 giorni prima del torneo per fare tutto nel modo migliore”, dice il ct auspicando la collaborazione dei club nella preparazione della spedizione. ”Il calendario e’ impegnativo, ma dobbiamo arrivare preparati e pensare ad una partita per volta. Il nome degli avversari cambia poco -ribadisce-. Dobbiamo vivere quest’avventura in maniera serena, sono convinto che possiamo fare molto bene se ci facciamo trovare pronti. Abbiamo bisogno di forza fisica, la nostra preparazione terra’ conto delle difficolta’ ambientali che troveremo”.
Nel primo impegno di Brasile 2014 l’Italia ritrovera’ una vecchia conoscenza del calcio italiano, Roy Hodgson ora ct dell’Inghilterra. “Sara’ molto interessante giocare contro l’Italia nella gara inaugurale, e’ un grande test per entrambe, giochiamo contro una nazionale europea, almeno ci conosciamo”. Sottolinea l’ex allenatore dell’Inter. Per quanto riguarda i problemi logistici dovuti al caldo intenso e agli spostamenti aerei che la Nazionale inglese dovra’ affrontare, Hodgson minimizza: “Anche a Cracovia o a Kiev c’erano voli lunghi e a Manaus andremo prima, non penso sara’ un problema. Per quanto riguarda la preparazione sara’ molto importante acclimatarsi. Finita la stagione i giocatori si alleneranno in condizioni climatiche di questo tipo: andremo prima in Europa meridionale, poi a Miami e infine a Rio. Pronostico? Cercheremo di fare del nostro meglio per vincere”. Cenerentola, ma solo sulla carta, del girone, e’ il Costa Rica. ”Non abbiamo alcun timore o paura di nessuno”. Spiega il ct Jorge Luis Pinto. L’esito del sorteggio dei Mondiali in Brasile non spaventa la nazionale del Centro America, inserita in un girone di ferro contro tre squadre che insieme hanno vinto ben 7 titoli iridati. ”Ci prepareremo in ogni modo possibile per arrivare a competere con loro ad armi pari”, aggiunge Pinto. 

What Next?

Recent Articles