01182018Headline:

LE PRIME PAGINE IN EDICOLA. Sanatoria per multe e tasse. Scontro Renzi-Letta sulla legge elettorale. India, condannata allo stupro di gruppo per l’amore proibito

I giornali di oggi dedicano l’apertura a notizie diverse: la maggior parte titola sulle notizie economiche, come la sanatoria per le cartelle di Equitalia relative a multe e bolli, che potranno essere pagate fino al 28 febbraio senza interessi, il decreto del governo per il rientro dei capitali dall’estero, e il rapporto della Guardia di Finanza sull’evasione fiscale in Italia. Repubblica e l’Unità si occupano invece delle parole di Enrico Letta, che ha chiesto che la nuova legge elettorale non preveda le liste bloccate e annunciato di volersi occupare di una legge sul conflitto di interessi, mentre il Giornale e Libero aprono con la decisione della procura di Milano di indagare Berlusconi e i suoi avvocati per corruzione dei testimoni nel processo Ruby.

CORRIERE DELLA SERA – In apertura: Una sanatoria per multe e tasse. Editoriale di Ernesto Galli della Loggia: Qual è il vero potere forte. Al centro con foto: L’acqua dopo il sisma Le ferite di Modena. Accanto: Letta critica le liste bloccate Renzi: ritocchi con il sì di tutti. In un richiamo: L’eterno dibattito che frena le decisioni. In un altro richiamo: Passera: vogliono il duopolio. In basso: Lazio, veleni e sospetti La faida delle microspie. In un richiamo: “Meno divise e mezzi migliori Così cambiano le Forze armate”. 



LA REPUBBLICA – In apertura: Riforme, Letta sfida Renzi. A sinistra: Berlusconi di nuovo indagato “Ha pagato le Olgettine per testimoniare il falso su Ruby” e Gli aggiustatori di Silvio. Al centro: Evasi 50 miliardi. Sanatoria sulle multe. In taglio basso: In Alaska troppi turisti estremi addio al bus di “Into the wild” e La battaglia rossa di Livorno: alle strade i nomi dei comunisti. In un richiamo: India, condannata allo stupro di gruppo per l’amore proibito. 



LA STAMPA – In apertura: Capitali all’estero, ecco il decreto. Editoriale di Luigi La Spina: Se la Corte fa da balia ai politici. Sotto l’apertura l’intervista a Saccomanni: nel 2014 cresceremo dell’1%. Al centro con foto: Droga e alcol, arrestato l’idolo delle ragazzine. Di spalla: A Davos la faccia nuova del vecchio Iran. In taglio basso il Buongiorno di Massimo Gramellini: Il ministro che non c’è. 



IL GIORNALE – In apertura: Presi 44 ostaggi di Alessandro Sallusti. Al centro con foto della cancelliera Angela Merkel: E ora l’Europa stanga anche quella furbetta della Merkel. Sotto: Nasce l’Equitalia dal volto umano. Di spalla: I moralisti a colpi di topless. In taglio basso il Cucù di Marcello Veneziani: Il Pasticcellum che piace a tutti. 



IL MESSAGGERO – In apertura: Multe e bollo, ecco la sanatoria. Editoriale di Giovanni Sabbatucci: Da evitare le modifiche in senso proporzionale. Al centro con foto l’intervista a Rachida Dati: “Aboliamo la première dame un retaggio della monarchia”. Accanto: Legge elettorale, altolà di Letta Renzi: “Se salta, subito al voto”. In taglio basso: Perché Totò Riina può parlare così anche dal 41 bis? 



IL SOLE 24ORE – In apertura: Poste apre al mercato: il 40% quotato in Borsa. Editoriale di Donato Masciandaro: La “legge di Draghi” sull’evoluzione bancaria. Sopra l’apertura: Draghi: le banche deboli non saranno salvate. Al centro: Rientro capitali, ecco il decreto. Di spalla: Renzi: la legge elettorale cambia solo con ok di tutti Liste bloccate, Letta frena. Sotto: Il Punto di Stefano Folli: Sul filo del rasoio. In taglio basso: Perché Berlino deve correggere l’eccesso di export. 



IL TEMPO – In apertura: Mettetevi in fila, oggi pagate pegno. A sinistra l’intervento di Daniele Capezzone: Un bancomat per il governo. Al centro con foto: La camorra si mangia Roma E i killer sparano. In taglio basso: Il ministro indiano: “No pena di morte”. 



IL FATTO QUOTIDIANO – In apertura: “”Silvio per sempre ricattato e anche la Pascale lo sa”. Al centro: Imu, ci fanno sbagliare per pagare di più. Di spalla di Marco Travaglio: La banda dei disonesti.



 MF – Visco si difende dalle popolari.


What Next?

Recent Articles