LE NOTIZIE DEL GIORNO. Renzi: la priorità non è l’articolo 18. Evade dopo un permesso premio anche un killer della camorra. Confindustria contro la manovra: non è sufficiente per far ripartire il Paese


Politica interna
 
Pd – Il segretario del Pd Matteo Renzi ha precisato che l’articolo 18 non è una priorità: “L’articolo 18 è un grande totem ideologico attorno al quale danzano i soliti addetti ai lavori. Bisogna dare garanzie a tutti cambiando le regole del gioco e incentivando le aziende a investire”. Nel frattempo Renzi ha ribadito che sulla legge elettorale il dialogo è aperto con tutti e proseguono i contatti con Forza Italia e con il Movimento 5 Stelle.
 
Evasioni – A ventiquattro ore dalla scomparsa di Bartolomeo Gagliano, il serial killer che non è rientrato nel carcere di Genova dopo un permesso premio, anche il sicario pentito di camorra Pietro Esposito a Pescara ha approfittato di otto ore di libertà per darsi alla fuga.
 
Politica estera
 
Russia – Il presidente russo Vladimir Putin, in vista delle Olimpiadi di Sochi previste a febbraio, ha annunciato la concessione della grazia a Mikhail Khodorkovskij, l’ex patron della compagnia petrolifera Yukos in carcere da dieci anni. Inoltre verranno amnistiati i militanti di Greenpeace arrestati nell’Artico, tra cui l’attivista italiano Cristian D’Alessandro, e le due Pussy Riot ancora in carcere.
 
Sud Sudan – Sono sempre più gravi gli scontri etnici in Sud Sudan, dove nei giorni scorsi almeno 500 persone hanno perso la vita nelle strade della capitale Juba. è stata coinvolta dalle violenze anche la base dell’Onu di Akobo, vicino al confine con l’Etiopia. Molti governi stranieri hanno organizzato ponti aerei per far rientrare le proprie comunità.
 
Economia e Finanza
 
Stabilità – Il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi ha criticato la manovra presentata dal governo: “La legge di Stabilità non è quello che ci aspettavamo e pensiamo che non sia sufficiente a far ripartire il Paese”. Il presidente del Consiglio Enrico Letta ha replicato: “Ho la responsabilità di tenere la barca in equilibrio e voglio ci siano strumenti per la crescita senza sfasciare i conti pubblici”. Intanto un emendamento ha decurtato ai Comuni i trasferimenti in seguito ai mancati incassi dal gioco d’azzardo per aver vietato le slot machine e ha provocato la rivolta dei sindaci.
 
Europa – Il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi ha promosso l’Unione bancaria: “La Bce accoglie con estremo favore l’accordo raggiunto. è un passo importante verso il completamento della nostra Unione bancaria. Ora si deve iniziare subito il negoziato con il Parlamento europeo”. Ma il presidente dell’Europarlamento Martin Schulz ha giudicato inferiore alle aspettative l’accordo dell’Ecofin e ha annunciato un confronto “durissimo”.
 

What Next?

Recent Articles