01222018Headline:

LE NOTIZIE DEL GIORNO. Renzi accelera sul cambio di governo. Forza Italia chiede le dimissioni di Grasso. Ultimatum di Squinzi a Letta



Politica interna
 
Pd – Il segretario del Pd Matteo Renzi ha deciso di convocare per il 20 febbraio una direzione del partito dedicata alle sorti del governo: “Vogliamo cambiare schema? Disponibilità totale. Giochiamo a carte scoperte”. Il presidente del Consiglio Enrico Letta non si è espresso sulla possibilità di un ritocco alla squadra di governo e ha replicato: “Tutto voglio tranne che galleggiare. Sulle riforme c’è il mio impegno perché si faccia gioco di squadra”. Intanto Renzi ha presentato la sua proposta di riforma del Senato con 108 sindaci e 21 governatori.
 
Grasso – Il giorno dopo la decisione di far costituire il Senato come parte civile nel processo sulla compravendita dei senatori che vede coinvolto Silvio Berlusconi, il presidente di Palazzo Madama Pietro Grasso ha spiegato le sue ragioni in Aula: “Nessuna persecuzione. Ho deciso in solitudine”. Tutti i senatori di Forza Italia sono usciti dall’Aula per protesta, chiedendo le dimissioni di Grasso e minacciando una mozione di censura.
 
Politica estera
 
Marò – A pochi giorni dalla decisione della Corte suprema indiana, i due marò italiani Massimiliano Latorre e Salvatore Girone hanno dichiarato: “Non siamo terroristi. Siamo militari della Marina. Siamo anche noi pescatori, padri di famiglia, uomini, e ci dispiace molto per la perdita di due uomini di mare, due pescatori, ma non ci sentiamo responsabili, siamo innocenti”.
 
Sochi – Il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon, in occasione della cerimonia inaugurale dell’Olimpiade invernale di Sochi, ha invitato a opporsi a ogni discriminazione o restrizione della libertà personale nei confronti di lesbiche, gay, bisessuali e transex. Intanto il presidente del Consiglio Enrico Letta scrive che essere presente è il modo migliore per dare forza alla protesta.
 
Economia e Finanza
 
Bce – Il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi ha spiegato che l’Eurotower è pronta ad agire per sventare il rischio deflazione ma ha rinviato a marzo qualsiasi decisione su un eventuale taglio dei tassi d’interesse o altre misure straordinarie. Draghi si è soffermato sui segnali contraddittori che provengono dall’economia nell’area euro e dalle turbolenze sui mercati emergenti. Le parole del presidente della Bce hanno favorito un rally sui mercati, con Milano in rialzo del 2,28%.
 
Confindustria – Il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, annunciando che il presidente del Consiglio Enrico Letta parteciperà al consiglio direttivo degli industriali del 19 febbraio, ha chiesto al governo soluzioni concrete ai problemi dell’Italia: “Se dovesse arrivare con la bisaccia vuota non ci resterà che appellarci al presidente Napolitano che nella sua grande saggezza prenderà le decisioni giuste”.
 

What Next?

Recent Articles