LE NOTIZIE DEL GIORNO. Mastrapasqua si dimette, Treu verso il vertice dell’Inps. Berlusconi: non voterei ancora per Berlusconi. Tasse sulla casa, lo Stato ha incassato 52 miliardi


Politica interna
Inps – Antonio Mastrapasqua si è dimesso dalla presidenza dell’Inps, in seguito all’inchiesta della Procura di Roma per il suo ruolo di direttore generale dell’Ospedale israelitico e alle critiche per i suoi molteplici incarichi professionali. Il presidente del Consiglio Enrico Letta ha commentato: “Credo che Mastrapasqua abbia fatto una scelta saggia. Ha colto l’iniziativa del governo, non si possono assumere incarichi così rilevanti senza esclusività”. La posizione al vertice dell’Inps verrà risolta nei prossimi giorni e il principale candidato alla successione sarebbe l’ex ministro del Lavoro Tiziano Treu.
Berlusconi – Silvio Berlusconi, in campagna elettorale a Cagliari in sostegno del governatore uscente Ugo Cappellacci, ha detto che non rivoterebbe Giorgio Napolitano al Quirinale: “I piccoli partiti hanno ottenuto, con l’aiuto del capo dello Stato, che si passasse dal 35% al 37% come soglia per il premio di maggioranza”. Inoltre Berlusconi, in un’intervista al Corriere della Sera, afferma: “Il voto arriverà tra oltre un anno e, sarà una follia, ma io penso di poter arrivare a superare il 37%”.
M5S – Il Movimento 5 Stelle è ancora nel ciclone delle polemiche a causa di un video satirico postato da Beppe Grillo sul suo profilo Facebook, nel quale un giovane sostenitore del M5S, in macchina con una sagoma di cartone di Laura Boldrini, rinfaccia alla presidente della Camera la sua gestione dell’Aula. Il post, intitolato “Cosa succederebbe se ti trovassi la Boldrini in macchina?”, è stato preso d’assalto dagli utenti con insulti molto pesanti nei confronti della presidente della Camera, tanto che lo staff del M5S ha rimosso gli insulti sessisti.
Politica estera
Marò – Il vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani, riprendendo le parole di José Manuel Barroso, ha ribadito che l’Ue è pronta a reagire al rischio di pena di morte per i due marò italiani Salvatore Girone e Massimiliano Latorre detenuti in India: “L’Europa è contro la pena di morte. Rispolverare la questione della pena di morte ai marò vorrebbe dire creare problemi seri fra l’India, l’Italia e l’Europa. Spingerebbe l’Unione europea a rivedere la trattativa sull’accordo di libero scambio con l’India”.
Thailandia – Dopo tre mesi di manifestazioni di piazza, con 10 vittime e centinaia di feriti, oggi la Thailandia va alle urne sempre più divisa. Infatti ieri le fazioni rivali hanno acceso una sparatoria che ha causato sei feriti alla periferia di Bangkok. A fronteggiarsi ci sono gli anti-governativi, sulle barricate contro il premier Yingluck Shinawatra, e i sostenitori del partito del primo ministro e del controverso fratello Thaksin Shinawatra.
Economia e Finanza
Immobili – Secondo i dati elaborati dalla Cgia di Mestre, il peso fiscale sugli immobili supererà nel 2014 i 52 miliardi di euro, quasi tre miliardi in più rispetto al 2013. Inoltre l’associazione degli artigiani veneta ha calcolato che dall’inizio della crisi il livello di tassazione sul mattone è aumentato di 10 miliardi.

What Next?

Recent Articles