LE NOTIZIE DEL GIORNO. La "squadra" di Renzi, il popolo dei Forconi ancora in piazza, oggi il funerale di Mandela


Un quadro delle principali notizie del giorno



Politica interna

 

Forconi: Iniziata la sera di domenica 8 dicembre, la protesta “Fermiamo l’Italia”, organizzata dal movimento dei “Forconi”, ha continuato a creare disagi nelle principali città del Nord e Sud d’Italia: cortei, treni bloccati e chiusure temporanee di alcuni caselli autostradali. I protagonisti: Disoccupati, studenti, pensionati, ultras, ma anche simpatizzanti di estrema destra, tutti accomunati da un senso astio nei confronti del Governo e delle politiche di austerità. Simbolico il gesto di alcuni poliziotti di Torino, i quali si sono tolti il casco innanzi alla folla di manifestanti. Anche per oggi e domani (in vista del voto di fiducia) saranno previsti blocchi e manifestazioni.

Pd: Matteo Renzi, vincitore alle Primarie del Partito Democratico, ha formato la “squadra” per la sua segreteria: sette donne (tra le quali Debora Serracchiani) e cinque uomini, con un’età media di 35 anni. Ieri, inoltre, ha avuto un incontro con il Premier Letta a Palazzo Chigi, nel quale i due hanno discusso delle prospettive di Governo per il 2014. Due punti accomunano Letta e Renzi: il primo prevede riforme sia per la crescita e l’occupazione, che sul piano istituzionale (riduzione del numero dei parlamentari, fine del bicameralismo perfetto, azzeramento del finanziamento), oltre a una nuova legge elettorale; il secondo riguarda un “vero contratto di coalizione” che i due, assieme ad Alfano e Monti, dovranno sottoscrivere a gennaio. In un’intervista a Repubblica, Pierluigi Bersani si espresso sul nuovo segretario del partito, affermando che in un paese come l’Italia di oggi, in cui è presente “una certa quota di anarchismo”, è necessario che un “leader carismatico”, qual è appunto Renzi, non sia  la base esclusiva su cui il sistema si regge, ma deve far parte di un “collettivo stabile”. Domani, come richiesto dal Presidente Giorgio Napolitano, Enrico Letta sottoporrà il suo Governo al voto di fiducia.
 
 

Politica estera

 
Ucraina: Continuano le proteste a Kiev. Ieri la polizia ha fatto sgomberare Maidan Nezalehnosti, facendo disperdere i manifestanti. Tra la folla anche Vitaly Klichko, campione di boxe e leader del partito Udar, il quale ha chiesto a donne e bambini di abbandonare la piazza. Nonostante l’azione del Governo ucraino nei confronti della protesta, Arseny Yatseniuk, segretario del partito Batkivshina di Yulia Timoshenko, ha affermato che le manifestazioni proseguiranno a oltranza. Oggi Catherine Aston, Alta rappresentante dell’Ue per gli affari esteri, arriverà a Kiev per incontrare il presidente Yanukovich. Obiettivo: trovare una mediazione tra Governo e opposizione.   
 
Sudafrica: Oggi alle ore 11.00, presso lo stadio Fnb di Johannesburg, verrà celebrato il funerale politico di Nelson Mandela, venuto a mancare il 5 dicembre 2013. Tra i vari leader mondiali saranno presenti il premier Enrico Letta, partito ieri sera da Ciampino, Barack Obama, François Hollande, David Cameron e Raul Castro. Assenti il presidente israeliano Benjamin Netanyahu e la Regina Elisabetta.  
 
Usa: I Big di Internet, tra cui Apple, Google, Facebook, Microsoft, ect… hanno rilasciato una lettera aperta al presidente Barack Obama e ai membri del Congresso, chiedendo di fermare le attività di spionaggio – definite incostituzionali dalla Silicon Valley –  che hanno contribuito allo scandalo Datagate. Proprio questa settimana la Casa Bianca, ben lontana da ignorare la richiesta sopra citata, riceverà i risultati da parte di un gruppo di esperti di diritti civili, incaricati di limitare l’attività della National Security Agency (Nsa)
 
 

Economia e Finanza

 
Manovra: Approvate dalla Commissione Bilancio della Camera e ancora in attesa di essere concretizzate le modifiche più importanti della Legge di stabilità: la mini-Imu 2013 sulla prima casa si pagherà e sarà detraibile dalla Iuc; sul fronte dell’e-commerce e non solo verrà introdotto l’obbligo di acquistare servizi online solo da operatori con partita Iva italiana, monitorata dal Fisco; approvata l’indicizzazione al 100% per il 2014 delle pensioni fino a quattro volte il minimo Inps (circa 2mila euro mensili); verrà istituito un fondo per la riduzione del cuneo fiscale in cui far confluire le risorse della spending review; passata al vaglio anche la proposta di una nuova Tobin Tax (sostenuta da Pd, Sel, Sc, Ncd, Lega e Centro democratico), grazie alla quale verranno tassate tutte le transazioni finanziarie e che dovrebbe contribuire ad alleggerire i costo del lavoro.

What Next?

Recent Articles