01222018Headline:

LE NOTIZIE DEL GIORNO. Cuperlo si dimette dalla presidenza del Pd. Abrogato il reato di clandestinità. Stop al taglio delle detrazioni fiscali


Politica interna
 
Pd – Gianni Cuperlo si è dimesso dalla presidenza del Pd, colpito dagli attacchi personali ricevuti dal segretario Matteo Renzi e “allarmato da una concezione del partito e del confronto al suo interno che non può piegare verso l’omologazione, di linguaggio e di pensiero”. Renzi ha replicato: “Rispetto il gesto di Cuperlo, ma non lo condivido. Bisogna sapere accettare le critiche”. Quindi il segretario del Pd ha spiegato la scelta sulle liste bloccate: “Sono un sostenitore delle preferenze. Purtroppo sul punto si è registrata una netta ostilità di Forza Italia. Sul punto abbiamo ceduto. Altrimenti saltava tutto”.
 
Clandestinità – Il Senato ha abrogato il reato di clandestinità, previsto dalla legge Bossi-Fini. Quindi lo straniero che per la prima volta entra clandestinamente in Italia non verrà più sottoposto a procedimento penale, a meno che una volta espulso non rientri in Italia o disobbedisca alle prescrizioni cautelari imposte dal questore. Adesso si attende il passaggio del disegno di legge delega al governo alla Camera.
 
Politica estera
 
Siria – Si apre oggi a Montreux, in Svizzera, la conferenza di pace Ginevra 2 sulla Siria, per cercare una soluzione politica alla crisi che dura da quasi tre anni. Alla vigilia della conferenza, già movimentata dall’invito poi ritirato all’Iran da parte dell’Onu, ha suscitato nuove polemiche la diffusione di un rapporto che evidenzia l’uso sistematico di tortura e assassini da parte del regime di Bashar Assad.
 
Marò – Prosegue la confusione sulla vicenda dei due marò italiani Massimiliano Latorre e Salvatore Girone accusati in India di avere ucciso due pescatori al largo delle coste del Kerala. Infatti il ministero dell’Interno di New Delhi avrebbe dato il via libera alla Nia, la polizia investigativa indiana, per presentare i capi di accusa in base al Sua Act, la legge antiterrorismo e antipirateria che prevede la pena capitale.
 
Economia e Finanza
 
Detrazioni – Il governo ha deciso di cancellare il taglio delle detrazioni fiscali dal 19% al 18%, che doveva scattare a fine gennaio. La riduzione delle entrate che dovevano arrivare quest’anno dal taglio delle detrazioni Irpef sarà compensata da maggiori risparmi di spesa pubblica. Intanto i ministeri dell’Economia e del Lavoro stanno lavorando a soluzioni che consentano il pensionamento anticipato e stanno studiando fondi accessibili anche alle piccole aziende, con contributi pubblici e dei lavoratori.
 
Fmi – Il Fondo monetario internazionale ha rivisto al rialzo la stima della crescita globale nel 2014, portandola al 3,7%, ma ha rivisto al ribasso quella dell’Italia, scesa dallo 0,7% allo 0,6%. Infatti il capo economista Olivier Blanchard ha spiegato che il rischio maggiore che minaccia il percorso di rafforzamento della crescita dell’economia globale viene dall’Europa ed è la deflazione.
 

What Next?

Recent Articles