12142017Headline:

La Tosca al Massimo di Palermo

orna per sole due recite, già quasi sold out, al Teatro Massimo di Palermo la Tosca di Giacomo Puccini con la regia di Mario Pontiggia e le scene di Francesco Zito. L’opera andò in scena al Massimo nel 2014 e a giugno sarà in tournée in Giappone insieme con ‘La Traviata’. La prima sarà stasera, venerdì 31 marzo, alle 20.30, una seconda recita domenica 2 aprile alle 17.30. Un allestimento del Teatro Massimo, realizzato dal Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, di grande impatto scenico con un cast (tutto nuovo rispetto a tre anni fa) che vede sul podio Gianluca Martinenghi e nei ruoli principali Fiorenza Cedolins (Tosca), il siciliano Marcello Giordani (Cavaradossi), Sebastian Catana (Scarpia). L’orchestra, il coro e il coro di voci bianche sono quelle del Teatro Massimo.

Sabato 1 aprile, invece, alle 18.30, andrà in scena l’ultima recita fuori abbonamento de ‘La Traviata’ di Verdi, sempre con la regia di Pontiggia e le scene di Francesco Zito. E in questa occasione tornerà anche ‘Piazza Massimo’. Sabato e domenica infatti verrà allestita una grande platea all’aperto, proprio accanto al Teatro, dove due opere – La Traviata sabato 1 aprile e La Tosca domenica 2 – saranno trasmesse in diretta su maxischermo con posti al costo simbolico di 1 euro per ogni spettacolo. Domani sera inoltre, dopo La Traviata, alle 21.50, sarà trasmesso ‘Coppelia’, il balletto in due atti con la regia e la coreografia di Amedeo Amodio andato in scena al Teatro Massimo nel 2015. Entrambe le opere saranno trasmesse anche in diretta web sulla web tv del Teatro Massimo. La manifestazione si inserisce nell’ambito delle celebrazioni per i 120 anni dell’inaugurazione del Teatro e 20 anni dalla sua riapertura nel 1997. “E’ un’esperienza che mira a mettere a disposizione di un pubblico vasto l’opera lirica come genere popolare e per tutti – afferma il sovrintendente del Teatro Francesco Giambrone – Un’iniziativa che va nella direzione di un teatro inclusivo, aperto alla città, sensibile alle istanze del sociale”.

What Next?

Recent Articles