Il SUD LIBERATO. Castello Ursino fa festa: riqualificata un’altra area culturale di Catania

castello_ursino
“Dopo quella del Lungomare stiamo avviando, grazie alla vitalità di associazioni e comitati cittadini, la liberazione e la riqualificazione culturale di un’altra importante area della città soffocata dalle automobili e penalizzata dalle cattive abitudini”.
Lo ha detto il sindaco di Catania Enzo Bianco parlando del “Castello Ursino liberato”, la grande festa del 3 maggio nella zona del maniero federiciano, che rimarrà chiusa al traffico dalle dieci del mattino e fino alle 22 e nella quale saranno proposti spettacoli, musica e iniziative artistiche di vario genere.
“Ho sempre sostenuto – ha sottolineato il Sindaco – che Catania può farcela soltanto con l’aiuto di tutti i cittadini, che si scoprono migliori di quanto essi stessi non si descrivano ogni volta che si mettono alla prova. Il Lungomare Liberato ha rappresentato e rappresenta un momento importantissimo. Un altro momento altrettanto importante è stato l’Ursino Buskers festival organizzato nel settembre scorso con l’associazione Gammazita. Ora queste due esperienze si fondono e, grazie al contributo di molti altri cittadini, si darà vita a questa festa lunga un giorno che si svolgerà domenica 3 maggio. E speriamo che in questa giornata l’auto venga utilizzata il meno possibile”.
Il programma, foltissimo (lo trovate per intero su https://www.facebook.com/events/352915431575536/), prevede esibizioni di danze caraibiche, di band psichedeliche e di solisti di chitarra acustica, dimostrazioni di rugby, cacce al tesoro, animazione medievale con combattenti e giocolieri di fuoco e ancora trekking urbano, narrazioni di storie per bambini, spettacoli di danza-teatro, di magia, di giocoleria e per i più piccini, reading letterari, monologhi, concerti, dibattiti, installazioni artistiche, corsi di viola e violino, presentazioni di libri e l’immancabile Autobooks del Comune. Ci saranno anche laboratori per grandi (“La magia della lana) e piccini (per la realizzazione di pop-up) ed enogastronomia, anche con approfondimenti culturali sul medioevo e la Piccola scuola popolare Sambazita che girerà per il quartiere a ritmo di samba.
“Inoltre – ha sottolineato l’assessore alla Cultura e al Turismo Orazio Licandro – come ogni prima domenica del mese, i musei comunali saranno non solo aperti tutta la giornata, ma con biglietto d’ingresso ridotto. Anche il Castello Ursino, che ospita la mostra di Picasso, resterà aperto fino alle 22 con una riduzione del prezzo dell’ingresso. La festa, insomma, rappresenta un’ulteriore passo in avanti nella politica culturale che l’Amministrazione ha intrapreso fin dal primo giorno e che sta dando straordinari frutti”.
Bianco ha ringraziato i promotori della festa, ossia le associazioni Gammazita, attiva proprio in piazza Federico di Svevia, Salvaiciclisti e Lungomare Liberato, ma anche tutte le altre organizzazioni che daranno il loro contribuito alla kermesse con varie iniziative, ossia le associazioni Città Felice, Etna ‘ngeniousa, Fare, GammaZeta,  Hakspace e One More, i comitati Antico Corso, Terme dell’Indirizzo e Via Gisira e la Comunità di Sant’Egidio.
“L’Associazione Culturale Gammazita – ha spiegato la presidente Manola Micalizzi – oltre a contribuire a coordinare la festa, promuoverà in particolare, con la collaborazione della Società Dante Aligheri e dell’Archeoclub Catania, un incontro culturale mirato alla riqualificazione e riappropriazione del Pozzo di Gammazita al quale interverranno i professori Dario Stazzone e Giuseppe Pagnano”.
“La festa – ha aggiunto Viola Sorbello, portavoce di Salvaiciclisti – rappresenterà l’occasione per un intero quartiere di liberarsi di quelle ‘cattive abitudini’ alle quali accennava il sindaco Bianco, a cominciare dal rimanere schiavi delle automobili. Sarà una maniera giocosa di porre l’accento anche sulla mobilità sostenibile, che deve partire dal basso, dalla gente”.
Per il 3 maggio la Direzione Polizia Municipale ha disposto, dalle 6 del mattino a mezzanotte, il divieto di sosta – con rimozione – su tutta la piazza Federico di Svevia e su entrambi i lati della via San Calogero. Ha disposto inoltre, per la stessa giornata e negli stessi luoghi, ma dalle otto del mattino alla mezzanotte, il divieto di circolazione per tutti i veicoli, eccetto i mezzi di soccorso e quelli di Forze dell’Ordine e residenti.

What Next?

Recent Articles