01182018Headline:

I paradossi dei consumi: a Capodanno si consumerà più spumante italiano all’estero che nel nostro Paese

A capodanno si berrà più spumante italiano all’estero che in Italia dove comunque i brindisi made in Italy sono circa il 9 su dieci del totale: è quanto stima la Coldiretti nel sottolineare che la leadership dello spumante italiano è incontrastata in Italia dove sono ben l’86 per cento gli italiani che non rinunciano allo spumante per le feste di fine anno mentre appena il 11 per cento ha preferito lo champagne, secondo l’indagine Coldiretti/Ixè. Complessivamente per il 2013 saranno 290 milioni le bottiglie di spumante italiano esportate all’estero. Un numero superiore a quelle consumate in Italia se si considera che – sostiene la Coldiretti – sono state prodotte nel 2013 oltre 440 milioni di bottiglie delle quali circa l’80 per cento con il metodo Charmat e il resto – conclude la Coldiretti – con il metodo classico Champenois che differisce perché la fermentazione non avviene in autoclave, ma in bottiglia e comporta una lavorazione che può durare fino a tre anni con un prezzo finale più elevato.

What Next?

Recent Articles