12182017Headline:

Giulia Orecchia: la più grande matita della letteratura per l’infanzia

 

di B.S.ALIBERTI BORROMEO

Nata a Torino nel luglio del 1955, Giulia Orecchia, dona e madre esemplare, con spontaneità, freschezza semplicità e intelligenza riesce a trasporre in immagini testi per piccoli lettori.

Dotata di grande estro  e versatilità artistica, l’illustratrice, proveniente dall’Accademia di Brera e dalla Scuola Politecnica del design, ha raffigurato ben più di centocinquanta testi ottenendo per ben tre volte il Premio Andersen-Il mondo dell’Infanzia.

Da qualche tempo si è avvicinata all’ Arteterapia , trasformando il suo studio di Milano, un ex colorificio, in un centro dove bellezza, arte, colori e manipolazioni dei materiali si incontrano a fini terapeutici, oltre che essere un crocevia di artisti, illustratori, scrittori: un punto di condivisione, di crescita artistica, di confronto.

I paesaggi, i protagonisti assumono forme reali, non elaborati ma semplici, proprio come fossero visti e riprodotti con gli occhi di un bambino, senza esagerare nella tecnica pittorica quanto meno nell’espressionismo artistico, solo colori e le loro relative sfumature.

L’artista per la sua sensibilità d’animo, il gusto raffinato e la bravura viene oggi considerata la più grande matita della letteratura per l’infanzia.

Giulio Orecchia: La pù grande matita della letteratura per l’ infanzia

Messina, La casa di Giulia Libriinfesta, sezione critica.

 

What Next?

Related Articles