12162017Headline:

Frattamaggiore – Una fiera sulla canapa per riscoprire il passato e pensare al futuro

La leggenda narra che proprio a Frattamaggiore furono fabbricate le cime in canapa per le tre caravelle di Cristoforo Colombo. Solo questo basterebbe per capire l’importanza che in questa città ha avuto la canapa, fonte di sviluppo e di ricchezza.

Grazie alla canapa infatti Frattamaggiore è divenuta famosa in tutto il mondo. Ma, va detto, gran parte del merito è di chi lavorava ore ed ore nei canapifici. Famosa infatti è anche la figura della canapina, che assurge ad immagine della laboriosità del popolo frattese ed in particolare delle donne. Non a caso la “canapina” è uno delle statue cittadine più importanti.

In ogni famiglia, almeno una donna si dedicava a questo lavoro. Per questo motivo in molte case ci sono oggetti del passato, di questo antico mestiere. Strumenti che sarà possibile toccare con mano tra pochi giorni, durante la Fiera della Canapa che si terrà dal 26 al 28 Maggio nel nuovissimo centro polifunzionale dell’Area Pip.

Sarà un appuntamento per fare un salto nel passato con lo sguardo verso il futuro. L’Associazione Fracta Sativa UniCanapa presenterà infatti la II Edizione della Fiera “Canapa è”. All’interno ci saranno degli stand dove oltre agli strumenti del passato, saranno tutti i prodotti realizzati con la canapa.

Il presidente dell’associazione, l’avv. Nicomede Di Michele ha dichiarato: “La canapa può essere un’occasione per il rilancio del nostro territorio. Attraverso la creazione di una filiera di micro, piccole e medie imprese incardinate sull’idea di un’economia ecosostenibile a chilometro zero; la canapa può farsi volano di crescita e sviluppo attraverso la creazione di nuovi posti di lavoro. Se nella scorsa edizione abbiamo posto l’accento sulla tradizione canapicola della terra di lavoro, in questa edizione vera protagonista sarà la ricerca scientifica, settore in cui la Campania si sta distinguendo per competenze ed eccellenze.”

Sulla stessa linea il Sindaco Marco Antonio Del Prete: “Sono stato favorevole ad ospitare la fiera fin dalla prima edizione. Penso infatti che la canapa sia un elemento fondamentale per i nostri territori, cristallizzato nella storia e nelle tradizioni ma anche volano di nuove iniziative economiche, capaci di guardare al futuro con rinnovato slancio. Infatti, a testimonianza di ciò, il consiglio comunale ha da poco scelto di integrare lo Statuto di Frattamaggiore con l’aggiunta del titolo “città della canapa”.

What Next?

Related Articles