Discariche e veleni, per bonificare la Campania servono 1,4 miliardi. In cassa ci sono solo 300 milioni

Terra dei Fuochi, Marinello: "Campania da sola non può farcela"
“La stima fatta dalla Regione credo sia congrua: servono subito fondi per le bonifiche dei territori inquinati tra Napoli e Caserta. Faremo tutto quello che è nelle nostre possibilità perchè ora la Campania rappresenta un’emergenza nazionale e da sola non può farcela”. Parla il Presidente della Commissione Ambiente del Senato Giuseppe Marinello che proprio in questa settimana ha voluto rendersi personalmente conto della situazione organizzando un sopralluogo della Commissione di Palazzo Madama nella Terra dei Fuochi. Presidente si stima in circa 1 miliardo e 400 milioni la cifra necessaria per le bonifiche: dove si prendono tutti questi soldi? “Bisogna stilare un piano d’intervento multifattoriale, cioè con diversi punti d’attacco. E’ chiaro che per farlo servirà reperire risorse in relazione alle specifiche tipologie d’intervento”. Per ora la Regione Campania ha previsto uno stanziamento di 300 milioni. Per questo Caldoro ha sollecitato una legge speciale che coinvolga anche risorse nazionali.

Quindi? “Intendo dire che per ogni fase d’intervento bisogna attingere a uno specifico fondo. Ci sono necessità diverse, a cominciare da azioni caratterizzate dall’immediatezza e quindi bisogna intervenire con poteri di Protezione Civile. Successivamente va interdetta l’attività food e in quella sede si devono subito individuare le risorse per la riconversione agricola dell’area”. E poi? “Poi servono misure compensative per gli abitanti di quell’area e contemporaneamente vanno immaginate delle politiche di sostegno al comparto agro alimentare campano per il danno d’immagine subito che è un fenomeno da vera e propria grave crisi di mercato. Chi lavora in quel comparto deve trovare un momento di ristoro subito, ma anche in prospettiva”.

La Regione Campania guidata da Caldoro stima in circa 1 miliardo e mezzo la necessità economica: condivide? “Francamente si. Credo proprio che la necessità sia in quell’ordine. Bisogna fare un piano d’intervento serio che comprenda varie voci di spesa che afferiscano a diversi livelli decisionali per evitare disordini e confusione”. La Commissione Ambiente è stata nella Terra dei Fuochi: che idea si è fatta? “Evidentemente non era possibile avere un’idea compiuta della situazione senza aver visto con i propri occhi e senza aver ascoltato i cittadini: è un’emergenza nazionale su cui abbiamo il dovere di intervenire a prescindere dalle facili polemiche sui origini politiche di quel disastro. La Campania da sola non ce la può fare”.

What Next?

Recent Articles