Benitez scuote gli azzurri in vista della gara contro la Fiorentina: voglio un Napoli più cattivo


”Piu’ cattiveria”. E’ quello che Rafa Benitez chiede al suo Napoli alla vigilia della sfida in programma domani sul campo della Fiorentina. ”E’ una partita importante perche’ entrambe le squadre sono vicine al top della classifica. La Roma, la Juve, l’Inter e la Fiorentina continuano a vincere. Non e’ una sorpresa vedere la Roma in vetta alla classifica: complimenti, se continua cosi’ vincera’ di sicuro il campionato”, dice. ”Adesso tutti sanno che i giallorossi sono li’, tutti li guardano e la pressione e’ su di loro. All’inizio si parlava solo di Juventus e Napoli, adesso tutti siamo nelle stesse condizioni. Ora arriviamo ad un momento importante della stagione. Quando le squadre sono cosi’ vicine in classifica, ogni match vale molto. Ma ci troveremo a vivere una situazione del genere anche in futuro”, osserva l’allenatore spagnolo, che dribbla rapidamente la domanda relativa ai 2 rigori assegnati al Napoli nel match di domenica contro il Torino. ”Abbiamo visto 2 rigori al San Paolo nell’ultima partita. Nelle altre gare non ci hanno aiutato?… Se le polemiche arbitrali sono un tentativo di destabilizzarci, non siamo comuque toccati”, dice Benitez. Contro i granata, il Napoli ha sprecato numerose occasioni per chiudere definitivamente la partita con il terzo gol. ”Qui in ogni conferenza stampa si sente la parola ‘cattiveria’, se ne parla prima e dopo ogni partita. Dobbiamo avere piu’ cattiveria e tutto sara’ piu’ facile. Al di la’ di questo, sono molto soddisfatto per il percorso che abbiamo fatto sinora. Sappiamo, comunque, che si puo’ sempre migliorare”, afferma Benitez..
 ”Il calcio italiano e’ difficile, c’e’ molta qualita’. Le formazioni al top hanno calciatori di alto livello. Il mio bilancio finora e’ positivo al 100%: 7 vittorie in 9 giornate di campionato, 2 successi e una sconfitta in Champions. Mi sembra chiaro che la societa’ e la squadra siano in crescita, tutto mi sembra molto positivo”, prosegue. Nessuna indicazione sulla formazione, solo qualche parola sul rapporto con Paolo Cannavaro: ”Non c’e’ nessuna crisi con Paolo. E’ un giocatore importante, e’ il capitano ed e’ un esempio per tutti. Non possiamo controllare quello che si dice all’esterno. Io posso ribadire che sono felice di come si allena”. Benitez e’ stato inserito tra i 10 allenatori candidati al premio Fifa World Coach of the Year for Men’s Football 2013, il Pallone d’oro dei tecnici: ”Il premio va dato per i meriti in campo e per il contributo che si da’ fuori dal campo. Per me e’ facile: Jupp Heynckes. Ha vinto, e’ un esempio in campo e fuori”.

What Next?

Recent Articles