Al via lo Smau a Napoli. Dalla Regione 3 nuovi bandi per l’innovazione da 100 milioni

Al via alla Mostra d’Oltremare la prima edizione di Smau Napoli sulle  ultime novità tecnologiche per le imprese e le pubbliche amministrazioni.
Nell’area espositiva sono in mostra 90 realtà. L’area denominata Campania Next, realizzata in collaborazione con la Regione Campania, ospita le innovazioni di oltre 25 centri di ricerca e acceleratori d’innovazione, 15 startup e dei principali distretti e aggregati (laboratori pubblico-privati) della regione.
L’elenco dei progetti presentati spazia in diversi settori strategici del territorio regionale: edilizia sostenibile, aerospazio, trasporti, scienze della salute ed energia. Tra gli altri, abitazioni che consumano meno energia e che resistono ai terremoti, infrastrutture che vivono più a lungo di fronte alla corrosione in ambienti marini e terrestri, beni culturali e centri storici messi in sicurezza con metodi e materiali innovativi, aerei più confortevoli e più sicuri, dotati di un carrello per l’atterraggio intelligente e nuovi radar per il monitoraggio ambientale capaci di elabore dati in tempo reale.

Ci sono anche  il monitoraggio delle acque marine attraverso una piattaforma tecnologica che valuta contemporaneamente parametri chimici, fisici e ambientali e la coltivazione ecocompatibile, l’utilizzo di nuovi enzimi/biocatalizzatori  adatti a un impiego industriale per  la conversione delle biomasse e per la produzione di nuovi biomateriali e biofuels. Ed ancora alta tecnologia applicata ai sistemi portuali ed ai trasporti, come le tecnologie per scambi di merci più sicure nel corridoio stradale tra il porto di Salerno e di Nola ed il monitoraggio da remoto dell’infrastruttura ferroviaria.

I progetti sono realizzati dai Distretti ad alta tecnologia e dagli aggregati della Regione Campania tra cui il Distretto Aerospaziale Campano “D.A.C.”, il Distretto Tecnologico sulle costruzioni per l’edilizia sostenibile “STRESS”, il Distretto ad Alta Tecnologia Trasporti e Logistica “DATTILO”, il Distretto ad Alta Tecnologia per l’Energia  “SMART POWER SYSTEM”, il Distretto per le Biotecnologie, Campania Bioscience,  MAR.TE, RITAM, Top-In e Biochamp.

Oggi sono stati consegnati il Premio Cluster “Best in Show” dedicato ai laboratori e centri di ricerca appartenenti ai distretti e agli aggregati della Regione, e il Premio Innovazione ICT Campania rivolto alle aziende che hanno saputo rinnovarsi e competere sul mercato con le tecnologie digitali.

Sono intervenuti il vicepresidente della Regione Campania con delega alla Ricerca Guido Trombetti, l’amministratore delegato SMAU Pierantonio Macola e il presidente della Camera di Commercio Maurizio Maddaloni.

“Smau – ha detto Guido Trombetti – rappresenta una importante occasione per  fare matching e per valorizzare la grande qualità e il grande patrimonio di competenze che la Campania possiede.

“Entro 30 giorni saranno pubblicati tre nuovi bandi destinati al sistema dell’innovazione della Regione Campania per un valore, complessivamente, di  circa 100 milioni di euro. Un bando, denominato del valore di 75 milioni di euro, è destinato alle piccole e medie imprese. Gli altri due bandi sono destinati alle azioni di sistema per Distretti ed Aggregati  e mettono a disposizione 25 milioni di euro.

“Si tratta di nuove opportunità per lo sviluppo del territorio e soprattutto per consolidare e rafforzare gli investimenti nel settore ricerca e innovazione dove la Campania possiede numerose eccellenze, molte delle quali sono oggi in mostra  a SMAU, e che devono farsi conoscere sui mercati nazionali e internazionali. Mai come oggi il nostro sistema di ricerca è pronto a fare un ulteriore salto di qualità”, ha concluso Trombetti.

Domani, all’interno della giornata conclusiva di SMAU,  si terrà l’evento annuale del Por Campania Fesr 2007/2013, promosso dall’Autorità di Gestione.  Al centro del confronto tra i rappresentanti delle istituzioni e della ricerca, i temi dello sviluppo e dell’innovazione sul territorio regionale e un focus sulla nuova programmazione dei fondi strutturali verso Horizon 2020. Interverrà il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro.

What Next?

Recent Articles